lunedì, maggio 14, 2007

Quando la Sicilia incontra la Mauritania....un paradiso di sapori!

Spaghetti bottarga di Imraguen e olio Pantarei

La gita a Slow Fish mi ha permesso di conoscere molti prodotti tipici.. prodotti nostrani e no..Tra tanti,la colatura di alici di Cetara e la bottarga di muggine delle donne Imraguen provenienti dalla Mauritania.

Gli Imraguen sono un popolo di pescatori nomadi che seguono i banchi di ombrine e Cefali dorati lungo il Banc d'Arguin,sulla costa occidentale della Mauritania. Solo i pescatori Imarguen hanno il permesso di pescare nel parco con le lanches, imbarcazioni a vela prive di motore..E nella stagione di passaggio delle muggini ( ottobre/gennaio) riescono a praticare la tecnica tradizionale,molto affascinante e spettacolare...gli uomini entrano in acqua, tenendo una lunga rete che circonda il branco di cefali, e lentamente i pesci vengono intrappolati nel sacco.
Da sempre le donne si occupano della produzione di bottarga detta tishtar ( i filetti di muggine essiccati).. Purtroppo la pesca industriale sta minaciando le popolazioni Imraguen,poichè si inoltrano illegalmente nelle acque del Banc d'Arguin.. e la pesca sostenibile va a farsi benedire!!Si,perchè le loro acque sono ancora pescose ed è per questo motivo che dall'occidente arrivano le multinazionale a depredare questi mari!!
I pescatori devono la loro sopravvivenza a questi pesci ,i muggini...
























Le acque della Mauritania sono tra le poche al mondo ancora ricche di pesce e le flotte dei paesi occidentali si spartiscono i diritti di pesca, assumono i pescatori locali al loro servizio e il pesce viene surgelato e trasferito altrove per la lavorazione, specialmente in Nordafrica e in Europa. I saperi tradizionali legati alla trasformazione dei cefali si perdono e scompare una parte importante dell'identità culturale degli Imraguen.
Grazie alle donne della Cooperativa di Imraguen la tipica lavorazione del mulet viene salvaguardata:vengono acquistati i muggini dai pescatori locali e trasformati in bottarga.

Bottarga di Orbetello

Con l'aiuto del presidio della Bottarga di Orbetello le donne Imraguen stanno mogliorando la produzione con corsi di formazione.L'obiettivo è poter far gestire direttamente la vendita a queste donne, oltre che la produzione e la ricerca di mercati più "giusti"...
Acquistando la bottarga di Muggine delle donne Imarguen sosteniamo il loro progetto.
Io nel mio piccolo ho cercato di aiutarle ...perchè non lo facciamo tutti insieme??







Per questa ricetta ho deciso unire la forza di volontà delle donne della Mauritania, con la forza di una piccola,giovane e deliziosa donna di sicilia...Arianna Occhipinti.
Nelle sue mani un'azienda agricola di tutto rispetto.. olio e.v.di oliva e vino... prodotti di una terra meravigliosa...
Trovo che il suo olio Pantarei si abbini in modo egregio alla bottarga di Imraguen, dal gusto delicato ... E il sapore armonico dell'olio di Arianna, con una leggera punta piccante ben si addice ad una ricetta semplice e gustosa come quella di oggi...
























spaghetti grammi 150
pomodori pachino grammi 150
fave fresche una ventina
bottarga di muggine di Imraguen q.b.
olio e.v.di oliva Pantarei Az.Agricola Occhipinti q.b.
sale q.b.

mettete a bollire l'acqua per la pasta..
pulite e sbucciate le fave e tenetele da parte..tagliate a in 4 i pomodori pachino e fateli saltare in padella con un cucchiaio di olio.. salate e mettete da parte..fate cuocere la pasta...
scolatela al dente e fatela insaporire nella padella con il pomodoro..
servite con le fave ,un'abbondante grattata di bottarga e un filo d'olio crudo (e qui la mia mandolina di ceramica fa miracoli!).

Un grazie di cuore ad Arianna, che ha riempito di gioia una uggiosa giornata primaverile,sorprendendomi con una scatola magica.... olio e vino... prima o poi farò una bella gita nella tua bella terra, che un pò é anche la mia...

Etichette: , ,

20 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Bel connubio!Comprerò sicuramente la bottarga e magari anche l'olio!
MA dove li trovo?
Grazie in anticipo!
Annetta

10:03 AM  
Blogger Adrenalina said...

La storia di queste donne è molto bella e triste al stesso tempo. Ma si Sandra di dove si può comprare questa bottarga!!
Ma poi che bello il biglietto che accompagna la bottarga :)

10:08 AM  
Blogger il maiale ubriaco said...

Nel mese di marzo abbiamo parlato della fantastica Arianna con la quale siamo in contatto. Ci vorrebbero + donne e lo dico senza malizia....complimenti per il post: succulento! Ste-

10:56 AM  
Blogger cavoretto said...

Arianna Occhipinti è una ragazza molto simpatica e i suoi oli extravergini (ne produce due) sono molto buoni; siamo di fronte ad una produttrice che predilige la coltivazione biologica sia per l'uva (ottimi vini) che per le olive.
Tutti i suoi prodotti sono distribuiti in Italia da Velier www.velier.it, a Torino si trovano da Rossorubino.
ciao,vittorionlmyq

10:59 AM  
Blogger Elisa said...

In questo blog c'e` ancora il calore dell'ospitalita` che non riesco piu' a percepire in molti altri quindi ritornare e` sempre un gran piacere.
Un bacio, Sandra, buona giornata!

12:47 PM  
Blogger Gourmet said...

;o)
Che bello,sono molto contenta che il post vi sia piaciuto!!
Annetta.. per una parte ti ha risposto Vittorio.. :) per la bottarga posso informarmi, e vedere se trovo qualcuno di slow food che sa dare qualche info! Ok?
Adrenalina, si molto interessante.. oltre che triste.Non sono più riuscita a fotografarle, perchè la macchina era scarica! Uff... Idem per le info bottarga chiedo e ti fò sapere! Ti è arrivata la mail??
Maiale Ubriaco!! Certo che mi ricordo del vostro post! ;) sto aspettando la ricetta giusta epr QUEl vino la!Sono molto felice e orgogliosa di aver consociuto una vera forza della natura quale è Arianna! :) baci
Vittorio è un pozzo di scienza!! L'altro Olio si chiama GHETA,proverò prossimamente anche quello... E a Torino ero certa che i ragazzi RUBINI avessero i prodotti di ari.. ;)
Elisa.. Sono felice che ti senta come a casa, qui da me!Un abbraccio e un bacione!

1:23 PM  
Blogger Lory said...

Gemellina...;-)))
Conoscevo la storia della bottarga,mi interesserebbe molto l'olio ma ho provato a visitare il sito ma a parte la presentazione dei tipi di olio,con caratteristiche ecc..ecc..nn capisco se vendono anche a privati, i prezzi,sai nulla???

6:02 PM  
Blogger Lory said...

Ecco magari leggere tutto prima di postare no eh!!! :-((

6:04 PM  
Anonymous Anonimo said...

Grazie Gourmet... ;) aspetterò tue notizie allora!
Annetta

6:08 PM  
Anonymous Anonimo said...

NAVIGANDO CAPITO IN QUESTO INTERESSANTE SITO E VI DICO CHE
IL FENOMENO "BLOG" E'UN ASPETTO EVIDENTE ED IMPORTANTE DELLA MODERNA COMUNICAZIONE. PURTROPPO NEI BLOG DEDICATI NON CI SONO MAI O QUASI ESPERTI DI SETTORE MA PRINCIPIANTI.UNA DOMANDA FACILE, QUESTA PER VOI E' GASTRONOMIA O DIVERTIMENTO?
ELENA V.

7:53 PM  
Blogger k said...

Bella questa pasta! Mi fai venir voglia di riprovare a usare la bottarga di muggine comprata tempo fa. Certo, io l'avevo comprata alla coop, ma mica pagata poco! Io che adoro il pesce non riesco ad accettare che non mi piaccia qualcosa di pescioso. Quindi riproverò, magari con la tua ricetta!!
baci
k

7:58 PM  
Blogger Gourmet said...

Elena V...
GASTRONOMIA=(dal greco gastèr = ventre e nomìa = legge) è l'insieme delle tecniche e delle arti culinarie..il far buona cucina. ...
Dal mio canto, nella mia casa penso
(e mi auguro!) di fare buona cucina e mi basta...e basta anche alla mia famiglia e ai miei amici.Non sempre necessitano "professionisti"per preparare una buona pasta!! Cari saluti.. ;)
K!!! :) la bottarga è tutta buona!! Questa qui era un pò speciale,rispetto alle altre..O no??
besos

8:37 PM  
Anonymous Anonimo said...

LASCIA STARE IL GRECO E NON CREDO CHE SERVA RISPONDERE IN MODO COSI' ANIMOSO, ANCHE SE SIAMO A CASA TUA.
ANCHE SAPER ACETTARE UNA CRITICA E'PROFESSIONALE ED EDUCATO.
ELY

9:24 PM  
Blogger Gourmet said...

Cara Ely,non mi pareva una risposta animosa, ma solo coerente alla domanda.. Se avesse qualche cosa da aggiungere al post, la invito a scrivermi una mail.. la trova nel profilo!!Qui siamo tra amici,come legge dai commenti e anche le critiche sono accettate come i complimenti.. ;)
Rinnovo i saluti e buonaserata...

9:32 PM  
Anonymous Anonimo said...

TI SCRIVERO' VOLENTIERI MA CREDIMI IL DIALOGO E' SEMPRE STIMOLANTE DA POSIZIONE DIFFERENTI. ANCHE SE QUI MOLTI SI FINGONO AMICI IN REALTA' NON DICONO CIO' CHE PENSANO.
BUONASERATA GOURMET E COMPLIMENTI PER LE FOTO.
ELY

9:41 PM  
Blogger Gourmet said...

Grazie Ely!!! ;) Sono felice che le foto ti siano piaciute.. So bene che molti non sono quello che sembrano.. Purtroppo è la vita!!
A presto, e mi auguro che tornerai a trovarmi! ;-)

9:42 PM  
Blogger Lory said...

Gourmet,di sicuro nn capirai un'accidenti di cucina,ma sei di sicuro una grande!!! :-)))
Visto che siamo in due a nn capirci un h, che dici apriamo anche un ristorante dopo il blog???...ahahahah!

4:04 AM  
Blogger Lory said...

Ely,una cosa scusa eh...La nettiquette insegna che scrivere in maiuscolo equivale ad urlare!
Do you know???
Ops scusa ,questo è inglese però!!!...:-)))

4:13 AM  
Blogger Elvira said...

Paradiso, si! :-)

12:48 PM  
Blogger Gourmet said...

Lory, ci stavo pensando giusto qs mattina!!! Sei telepatica??? :)
Elvira, da tornarci al più presto in quel paradiso!!!
;)

1:52 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

  • © Untoccodizenzero:chi è interessato a riprodurre testi o foto da questo sito è pregato di chiedere esplicita autorizzazione scritta all'autrice,Sandra Salerno
  • Page copy protected against web site content infringement by Copyscape