lunedì, ottobre 16, 2006

16.10.06: world bread day

Kakat israeliani: second version

Per il giorno mondiale del pane ho rifatto una ricetta già postata, ma che piace sempre a tutti!!!
Non faccio in tempo a portarli in tavola... spariscono in un battibaleno... ;-)
Appena sfornati, c'è chi li spalma di burro e poi riempie con salame felino.. o con prosciutto crudo.. anche da soli, tiepidi sono buonissimi!

dalla Cucina Ebraica, i Kakat Israeliani:

farina di semola di grano duro grammi 500
lievito secco 1 cucchiaio
sale 1 cucchiaino
zucchero 1 cucchiaio
acqua calda 400 ml
1 albume mescolato ad acqua
Zatar (miscela di spezie miste tipica del quartiere arabo di Gerusalemme)
sesamo tostato 2 cucchiai
foglie di timo essiccate 2 cucchiai
sale 1/2 cucchiaino
Sumac 1/2 cucchiaino ( summaco) se disponibile- spezia mediorientale di colore rosso-

Kakat israeliani: la preparazione

macinare i semi di sesamo e le spezie in un mortaio o in un macinino...

Preriscaldate il forno a 200°
Lavorate nel Kenwood la farina, il lievito,lo zucchero, l'acqua, il sale, fino ad ottenere un impasto morbido e liscio ma non appiccicoso...
Ungete una teglia e mettete l'impasto in un luogo tiepido fino a che non raddoppia il suo volume ( circa 1 ora) .
Dopo circa un'ora schiacciate l'impasto e dividetelo in 12 parti uguali ( o più se preferite dei kakat più piccoli) .. lavorate ogni pezzo di pasta fino a ricavare dei cordoncini lisci, che poi arrotolerete su se stessi formando delle girandole..disponete le pagnottelle ottenute in una o due teglie da forno unte d'olio, lasciando alcuni cm di spazio tra una e l'altra.. spennellate le pagnotte con la miscela di acqua e albume, e cospargete del misto di semi e spezie preparato in precedenza.. lasciate lievitare ancora per una ventina di minuti , quindi infornate per 15/20 minuti fino a che non risulteranno dorate..

La foto è della versione panificata a Giugno... ma ieri non sono proprio riuscita a fare anche le fotografie!!! :-)

Grazie al blog di Kochtopf per aver divulgato a tutti noi l'iniziativa!!

17 Comments:

Blogger Orchidea said...

Che belli questi panini... ma cosa contiene lo zatar e dove si può comprare?
Ciao.

10:03 AM  
Blogger Maria Giovanna said...

Davvero interessante come ricetta e molto belli nella forma, anch'io come Orchidea ho una domanda sullo zatar: si può sostituire con un altra spezia?

10:22 AM  
Blogger Papilles et Pupilles said...

wonderful ! che bello !

10:48 AM  
Blogger daniela said...

Bellissimi, come quelli di Orchidea!

Mannaggia, mi sono persa questa grande panetteria comunitaria…

11:08 AM  
Blogger Diamanterosa said...

La so, la so. Finalmente so anche io di che cosa si tratta quando si parla di Zà attar (o zatar, quantunque). Contiene sesamo, ceci, sale e un'altro ingrediente che non leggo dall'etichetta strappata. Lo uso da anni e lo trovo all'Esselunga nel reparto cibo etnico, accanto alle tortillas e al guacamole.:-) Se vai a vedere su Santa Polenta, ne tesso le lodi.

11:27 AM  
Anonymous salwa said...

miamm , quel joli pain ! j'aime bien la forme.

11:40 AM  
Blogger avital said...

Guarda com'è strano: anch'io avevo già provato una ricetta di Ka'kat, ma di origine eggiziana, senza zaatar et di forma differente (annelli)
http://sandrakavital.blogspot.com/2006/02/kakat-pains-egyptiens.html
Una delle cose cose che mi piacciano di più con il pane: non ci sono più frontieri, il pane si mangia dappertutto qualunque origine sia..

12:03 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

Squisitezza.. credo che se si volesse cambiare la spezia il risultato sarebbe comunque eccellente. Anche noi pensiamo di dedicare una sezione al pane! Complimenti ai Kakat Israeliani e a te. Ste-

1:25 PM  
Anonymous lilli said...

sapessi con la salciccia di Bra....yummmh! slurp!

1:40 PM  
Anonymous Francesca said...

magnifici i tuoi panini, anche io non te ne lascerei uno se li avessi davanti ;-P

2:05 PM  
Blogger ape said...

parli di spezie ed ape arriva come fossero miele!

4:33 PM  
Anonymous Anonimo said...

Che meraviglia, quasi riesco a percepire i profumi che sprigiona questo pane! Proverò a sviluppare la ricetta ed invito te a leggere il mio post sul pane di Marinella per questa splendida giornata.A presto. www.epicuracanto.splinder.com
Florianopolis

5:20 PM  
Blogger cannella said...

Una meraviglia! Questi me li aggiudico per il fine settimana...ancora moooolto lontano! Baciotti!

5:44 PM  
Blogger Elisa said...

Buooooooniiii!!

8:04 PM  
Blogger Fabienne said...

It's really gorgeous !

9:39 PM  
Blogger Elvira said...

Quel pain magnifique! Bravo! :-)

12:59 AM  
Blogger ejm said...

Bravissima!!

-Elizabeth

11:24 AM  

Posta un commento

<< Home

  • © Untoccodizenzero:chi è interessato a riprodurre testi o foto da questo sito è pregato di chiedere esplicita autorizzazione scritta all'autrice,Sandra Salerno
  • Page copy protected against web site content infringement by Copyscape