venerdì, marzo 24, 2006

Gamberi al Lapsang,purea di asparagi al vapore e Olio e.v.di Pianogrillo


























I test in cucina servono sempre...
Nel male e nel bene qualcuno che fa da cavia lo trovo !!
Rob è la prima cavia del laboratorio..E se capita qualche amico a cena a sorpresa, avviso che sono in corso degli esperimenti...E che non garantisco sul risultato....:-)
Vicino a casa hanno aperto un ristorante giapponese che fa un sushi veramente buono..Così al massimo si ordina un take away!!

I gamberi in questione arrivano dopo la serata al Westin Palace di martedì sera...
E devo dire la verità...mi sono un pò "gasata" con il menù di Nicola... A volte penso che prima o poi qualche chef darà di matto... Mi chiedo dove studiano per preparare i menu!!
Nel mio piccolo ho solo usato dei cestelli di bambù per cuocere al vapore gli asparagi che ho poi frullato con il mixer...La mia pentola preferita di rame e l'olio del caro Lorenzo ( sono in possesso di ben 2 bottiglie di Particella...fornitore segreto....sssssss!! )

Recipe...

Gamberi 12- di medie dimensioni
Asparagi grandi 6
Tè affumicato ( Lapsang Souchong) q.b.
Sale rosa q.b.
Olio e.v.Pianogrillo

Preparare mezza tazzina di tè con qualche foglia di lapsang;poche perchè il sapore è intenso e non a tutti piace l'affumicato di questo tè. Il tè deve risultare molto leggero.
Il Lapsang Souchong è un thé a foglia grossa affumicato naturalmente, lavorato nell'est della Cina- a Fujian- ha le foglie arrotolate nel senso della lunghezza. L'assenza totale di qualsiasi trattamento chimico lo rendono un tè leggero e mai indigesto..

Ma per altre informazioni sul tè potrete visitare il blog di Acilia ... La regina del tè!!

Fate cuocere nei cestelli di bamboo gli asparagi.Una volta cotti tagliateli a tocchetti, frullateli aggiungendo un pizzico di sale .Raggiunta la consitenza di una purea metteteli da parte tenendo in caldo.
Pulire i gamberi, eliminare gli intestini e lasciare solo la parte della coda.Lavateli velocemente sotto l'acqua . Scaldare mezzo cucchiaio di olio e.v. in una padella ( io uso solitamente alluminio o rame ) e fate saltare velocemente i gamberi nell'olio caldo con un pizzico di sale rosa..
Sfumare con qualche cucchiaino di tè i gamberi lasciandoli insaporire, a fiamma vivace.
Preparate i piatti nappando il fondo con la purea di asparagi, aggiungete i gamberi e servite con qualche goccia di olio e.v. di Pianogrillo.

Potete accompagnare questo piatto con due tazze di tè Lapsang...

9 Comments:

Anonymous Lorenzo di Pianogrillo said...

Sandra cara ora penseranno che l'abbiamo organizzata 'sta cosa e che sei diventata azionista (poverina) di Pianogrillo...:-)))
In realtà è che tra amici finisce che ci si scambiano le cose e così ti capita anche l'olio, il mio, che vedo apprezzi e ti ringrazio. Te l'ha dato Nicola? Mandami il tuo indirizzo che ti omaggio io di qualche lattina piccola. Cheddevodì...grazie.
Sei gentilissima!

7:28 PM  
Blogger tak said...

che meraviglia, che voglia...

7:44 PM  
Blogger RoVino said...

Scusa per il Sandrocchia, Sandrina!
E' una vecchia abitudine che ho di chiamare così mia cugina, la quale lo ha sempre trovato divertente.
Chiedo venia...
Certo 'sto Lorenzo è proprio forte, si è meritato persino le attenzioni del Ziliani!
Ma lui non sa che io sono amico di colui che lo presenterà al vinitaly...eh eh eh.
Rob

7:53 PM  
Blogger Gourmet said...

Caro Lorenzo!!
Lo sai bene che il mio è un "amore" disinteressato...:-D
Il tuo olio è una poesia della natura..A me piace e quando posso lo uso..spessissimo,lo so!!:-)
Che ci posso fa???
Il mio "spacciatore"ufficiale è Nicola..Ora ho due bottiglie di particella!!
Tranquillo!! ti mando una mail con l'indirizzo..:-) La lattina è ormai alla fine..
E mi manca giusto un portapenne sulla scrivania!!
Un abbraccio..

X LAv: No problem..spero di poter essere anche io dei vostri al Vinitay!!
X TAk:Un abbraccio cara!!:-)

8:01 PM  
Blogger perec said...

la mensa di rob è un ristorante megagalattico, perdinci! come non essere almeno almeno golosamente invidiosi del suo piatto...

8:08 PM  
Anonymous Lorenzo di Pianogrillo said...

Rob:Sei amico degli amici ?
Guarda che detto da un siciliano...
Scherzi a parte so che conosci the Great Trisciuzz...
Sandra: aspetto l'addressssss....
(Sono tutti gentili con me ultimamente, non capisco...)

10:01 PM  
Blogger perec said...

non è poi un grosso sforzo essere gentili con un tizio che fa un olio così stramaledettametne buono, lorenzo. per me, per esempio, non lo è affatto... rob, non so se ti arriva la mia invidia... non ti stesse ancora arrivando, aumento la dose...

10:05 PM  
Anonymous Francesca said...

piatto molto raffinato. effettivamente il tuo Rob è proprio da invidiare:)
domanda tecnica: perchè la scelta del sale rosa?

8:59 AM  
Anonymous Acilia said...

Ecco perché mi fischiavano le orecchie ;-)

L'ho sempre pensato: il Lapsang Souchong è adattissimo in cucina, in numerosissimi piatti. (a proposito, ho sperimentato da poco il suo utilizzo in vari risotti, in sostituzione del consueto brodo)

Grazie per il titolo di "Regina" di cui ormai mi avete investita: sarò poi davvero all'altezza?!

Mi piace questa ricetta, cara Sandra. Mi piacciono molto gli asparagi e mi incuriosisce il sale rosa. Brava.

1:27 AM  

Posta un commento

<< Home

  • © Untoccodizenzero:chi è interessato a riprodurre testi o foto da questo sito è pregato di chiedere esplicita autorizzazione scritta all'autrice,Sandra Salerno
  • Page copy protected against web site content infringement by Copyscape